Le lezioni non apprese si ripetono!

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

 

Le lezioni non apprese si ripetono

 

Spesso noi non siamo quello che crediamo di essere, ma fino a quando vigono la menzogna e l'inconsapevolezza sul nostro valore, su ciò che siamo realmente e meritiamo, ecco che la vita ci riporta a ritrovare e rifare sulla nostra strada gli stessi incontri, le stesse esperienze.

Repetita iuvant, ripetere giova dunque, infatti solo così possiamo capire, vedere e sentire cosa stiamo creando con i nostri pensieri. L'anima scende nella materia perchè vuole guarire dalla sua costellazione di memorie non di luce, quelle che non vibrano nell'Amore.

Queste sono parti morte, ferme nel loro culto del dolore, privazione, paura e in certi casi addirittura terrore. E' sicuramente una chiave di lettura della vita molto significativa e illuminante di cui continuerò a parlarvi ancora.  E' vero dunque che non siamo colpevoli, ma responsabili sì: di ogni pensiero parola e azione siamo totalmente responsabili, ed è stato il non aver avuto il coraggio di vedere le nostre ombre e la nostra incapacità di superare i conflitti che ci ha fatti precipitare catturandoci nel buio dell'ignoranza e della povertà spirituale.

Come ho scritto nel mio libro: [...] La realta' non e' altro che lo specchio di chi crediamo di essere, quindi non di chi siamo veramente, perche' ci vediamo solamente come una proiezione del nostro mondo interiore. E qui cosa troviamo? Di tutto e di piu: le paure ad esempio, di cui fanno parte sensi di colpa, limitazioni, credenze, condizionamenti, frustrazioni, senso di impotenza, rifiuto, abbandono, sfiducia, insicurezza ecc. ecc. E' proprio come se ci guardassimo in uno specchio macchiato, dove le macchie che vediamo non ci appartengono, sono solo sullo specchio e non fissate su di noi. Tuttavia se ci hanno insegnato che noi siamo quelle macchie, quelle imperfezioni, quelle limitazioni, noi ci crediamo fermamente, ci identifichiamo e non riusciamo piu' ad uscire fuori da quegli SCHEMI. Accettare di vedere il mondo, la vita e noi stessi da un altro punto di vista fa si' che si smetta di sentirsi vittime e si diventi davvero creatori responsabili  [...] tratto da Un Sentiero per l'Anima. Ed. Psiche2 Torino

Fino a quando non si accettano le proprie responsabilità continuiamo a lottare con rabbia oppure restiamo sopraffatti dagli eventi, in questo modo preferiamo non vedere quello che abbiamo di fronte continuando a sentirci arrabbiati e/o impauriti. In questo modo il senso di colpa può continuare a girare indisturbato sotto, in profondità, ed è questo il nemico che ci fa paura: egli si trova dentro e non fuori.

Quando finalmente gli esseri umani usciranno dal ciclo colpa-punizione-espiazione la loro vita sarà più felice e ogni giorno potrà essere un lieto Natale!

LAAV you 

Gabriella

SentieroLAAV-form-autoresponder-mailchimp

ISCRIVITI qui sotto ALLA NEWSLETTER e ricevi subito gli OMAGGI!

 

 

Ecco cosa puoi ottenere

  • ATTIVITÀ

    Sono una channeller, una messaggera dei mondi di Luce e chiarudiente. Ho il Dono di poter vedere le...

LINK LIBRO

Letti piaciuti e consigliati !

La Biologia delle Credenze Edizione nuova Bruce Lipton

 

La scienza perduta della preghiera Gregg Braden libro nuova edizione

 

Area Dedicata

Altro dalla categoria